Vai ai contenuti.

LABLITA

Sezioni
Strumenti personali
Sei qui: Portale » Pubblicazioni » Le parole dello schermo

Le parole dello schermo



Le parole dello schermo
Le parole dello schermo applica gli strumenti della linguistica all’analisi del parlato filmico, con l’intento di individuare tratti propri del mezzo cinematografico (come la tendenza alla semplificazione e alla stereotipizzazione) e tratti in comune con il parlato spontaneo (come la tendenza alla riduzione delle unità sintattiche e dialogiche).
Il periodo preso in esame (1948-1957), mediante l’analisi capillare di sei film emblematici (Ladri di biciclette, Catene, Nata ieri, Totò a colori, Le amiche, Poveri ma belli), è cruciale non soltanto nella storia mondiale del cinema, ma anche nella storia della lingua italiana contemporanea.
Questo libro fa luce su uno degli aspetti stranamente più trascurati dai linguisti: i dialoghi dei film. E, grazie al cinema come osservatorio privilegiato, aiuta a definire uno dei campi d’indagine più problematici degli ultimi anni: la comunicazione parlata.
La ricchezza di dati forniti, la sistematicità dei confronti tra parlato filmico, parlato spontaneo e lingua scritta e l’assunzione delle teorie più recenti ne fanno un testo di riferimento sulle ultime acquisizioni della linguistica pragmatica e testuale, senza però rinunciare alla chiarezza (e si veda a tale scopo il glossario finale) e alla sintesi necessarie per lettori anche non linguisti.
Bulzoni Roma

1999

 
 


Sviluppato con Plone

Questo sito è conforme ai seguenti standard: